Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
calendario lunare
Gi
Calendario lunare di dicembre
Inviato da Redazione GI il 12-01-2012 20:15
Agrifoglio

...dopo il solstizio d’inverno, la luce del giorno comincia gradualmente ad aumentare: il clima rigido limita i lavori all’aperto, lasciando tempo prezioso ai giardinieri per dedicarsi alla manutenzione degli attrezzi, e alla progettazione in vista della primavera.

 

Il cielo del mese

• La Luna sarà piena la notte del 10, poi inizierà la fase calante fino al 23 con novilunio il 24.

• Il 22 dicembre 2011 il sole si trova alla sua minima declinazione: è il solstizio d'inverno, cioè il giorno in cui l'arco diurno è il più breve dell'anno mentre quello notturno è il più lungo. È quindi solo una convenzione il detto secondo cui 'Santa Lucia è la notte più lunga che ci sia': Santa Lucia, infatti, si festeggia il 13 dicembre, in molte località italiane e straniere, soprattutto nei paesi nordici. La ricorrenza è dedicata ai bambini che, quella notte, ricevono piccoli doni dalla santa, portatrice di luce e protettrice della vista, che simbolicamente annuncia la fine delle tenebre invernali.

 


La pianta di dicembre

• L'agrifoglio è una delle piante simbolo del Natale: l'usanza di decorare la casa con ramoscelli carichi di bacche rosse è una delle più antiche e radicate. Arbusto tipicamente invernale, l'agrifoglio (Ilex aquifolium) è un sempreverde, con foglie coriacee, spinose, lucide. Si coltiva facilmente, in terreno argilloso, non calcareo, ben drenato, al sole e al riparo tanto dal gelo quanto dalla siccità. Le sue bacche sono amate dagli uccellini.

 


Il diario della luna

 


• In giardino: in luna calante si dispone la pacciamtura alla base di arbusti ed erbacee perenni; si potano gli alberi e gli arbusti caducifogli e sempreverdi, eccetto quelli che stanno per fiorire (come calicanto e forsizia, laurotino e mahonia) e le piante da siepe; se il terreno non è gelato, si terminano le lavorazioni delle aiuole per le piantagioni primaverili. In luna crescente, se il terreno non è gelato, si piantano erbacee perenni, rosai, alberi e arbusti.


• Nell’orto e nel frutteto: nell’orto, in luna calante si provvede alla vangatura e concimazione in vista delle lavorazioni primaverili; si continua l’imbianchimento di cardi e radicchi; si raccolgono i cavoli; in coltura protetta si seminano lattughe e radicchi da taglio; all’aperto in clima mite si seminano agli, cipolle e scalogni; si procede alla forzatura dell’indivia belga e del radicchio rosso. In luna crescente si continua a seminare all’aperto i piselli e al riparo i ravanelli. Nel frutteto, in luna calante si spazzolano i tronchi delle piante vecchie, per eliminare la corteccia scollata dove si annidano uova e larve di parassiti; a fine mese si potano le pomacee; si termina la raccolta delle olive e si comincia quella degli agrumi nei climi più miti.


• In casa e sul balcone: in luna calante si ritirano i crisantemi in vaso; si puliscono e ripongono gli attrezzi e prodotti, si regolano gli arbusti caducifogli spogli; in luna crescente si fanno sbocciare le bulbose forzate per averle fiorite a Natale: tenendole prima al fresco e poi in casa, con luce e caldo.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA