Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
il fiore
Gi
Amarilli, giacinti, narcisi: colori d’inverno
Inviato da Redazione GI il 09-01-2013 10:48
Giacinto_foto_c0a907cc

A dispetto della natura desolata e grigia che ci circonda, ricerchiamo per gli ambienti domestici le piante "vestite di colori" che possano regalare una gioiosa bellezza. Esistono tante altre piante che danno il meglio di sé proprio in questo periodo, decorando e ravvivando l’appartamento, il balcone e il giardino. Fra queste troviamo, ovviamente, le bulbose. Perché non approfittarne?

 

Amarillis
Come sceglierlo: per avere i fiori in inverno, a inizio mese scegliete un bulbo già interrato nel vaso, che presenti il germoglio ingrossato dei fiori che spunta dal bulbo. Se lo acquistate poco prima delle feste, potete optare per germogli già sviluppati, che stanno proprio per schiudere le corolle. Non acquistate i bulbi nudi: impiegano 45-60 giorni per fiorire.

Come curarlo: ponete il vaso in un luogo luminoso, al caldo (ma non vicino al termosifone). Inserite un tutore lungo il bordo del vaso: vi servirà per legare il grosso gambo che porta i fiori, il cui peso potrebbe sbilanciare il vaso. Bagnate moderatamente, appena il terriccio si asciuga. Quando i fiori appassiscono, tagliate il gambo alla base, vicino al bulbo. Spesso nasce un secondo stelo di fiori, ma solo in casi eccezionali si ottiene anche un terzo stelo.

Dopo la fioritura: quando il bulbo ha terminato la fioritura, emette le lunghe foglie arcuate. Spostate il vaso in serra fredda, bagnandolo una volta al mese. Da marzo a settembre fornite ogni 15 giorni una dose di concime liquido per piante da fiore. In ottobre tagliate le foglie vicino al bulbo, estraetelo dal terriccio e ricoveratelo in cantina. Lo ripianterete in marzo: rifiorirà in giugno-luglio.

 

Giacinto
Come sceglierlo: optate per vasetti o ciotole in cui, tra le foglie ancora corte, si intravveda appena la pannocchietta di fiori. Calcolate bene i tempi per l’acquisto: la pannocchia, in ambiente riscaldato e con terriccio bagnato, impiega 4-5 giorni per aprirsi.

Come curarlo: preferisce una stanza fresca (18 °C), dove l’infiorescenza aperta durerà per 6-7 giorni; se la temperatura  è maggiore appassirà prima. Ponete un sottovaso o portavaso e mantenete sempre leggermente umido il terriccio. Tagliate subito alla base lo stelo sfiorito: a volte arriva una seconda infiorescenza.

Dopo la fioritura: se avete un giardino, a fioritura terminata ponete il vasetto all’esterno, esposto alle intemperie, e dimenticatevene. A maggio estraete i bulbi, ripuliteli e conservateli in cantina per ripiantarli in piena terra in ottobre. In mancanza del giardino non conviene conservare i bulbi: non rifiorirebbero più in vaso.

 

Narciso
Come sceglierlo: le graziose ciotole di mini-narcisi (tipo ‘Paper White’ ‘Tête a Tête’, ‘Bell Song’ ecc.) devono avere il fogliame sviluppato e gli steli fiorali di pochi centimetri di lunghezza. Anche in questo caso servono 4-5 giorni per la fioritura. Le ciotole già del tutto fiorite dureranno al massimo due giorni.

Come curarlo: valgono le stesse indicazioni del giacinto. Evitate di tenere più di due ciotole in una sola stanza: il narciso è leggermente soporifero...

Dopo la fioritura: come per il giacinto. Eventualmente potete regalare i bulbi pronti per la piantagione a parenti o amici con giardino: sono ottimi per angoli un po’ selvatici, a bassa manutenzione.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA