Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
coltivare l'orto
Gi
Come fare una talea di salvia
Inviato da Redazione GI il 02-10-2014 17:10
Fare_una_talea_salvia_6f5fb1a5

La talea di salvia è un'operazione semplice che ha bisogno di poche accortezze. Risulta essere il modo migliore per propagare questa aromatica, dando come risultato una pianta identica a quella madre. I periodi migliori sono quelli di settembre/ottobre e marzo/aprile.

 

Gli attrezzi necessari sono:
- un coltello o delle cesoie affilate e disinfettate;
- un substrato composto da 1 parte di sabbia e 2 di torba;
- vasetti con un diametro di circa 6cm;
- polvere radicante;
- una pianta di salvia di almeno due anni.

 

Prima di tutto prelevate la vostra talea di salvia: tagliate con decisione delle cime di almeno 10 cm. Prelevatene più di una per avere più possibilità nella riuscita dell'attecchimento e recidete nella prima parte più dura del fusto, dove inizia a lignificare. Abbiate cura di non rovinarne la sottile corteccia e di evitare sbucciature.

 

Preparate poi i vasetti: miscelate la sabbia e la torba se non avete a disposizione un substrato già adatto e riempite abbondantemente i contenitori; praticate poi i fori che ospiteranno le talee.


Riprendete in mano i rametti di salvia e ripuliteli da tutte le foglie e diramazioni, a eccezione di quelle apicali: in questo modo la pianta potrà concentrare le sue energie nelle parti restanti senza disperderle inutilmente.

 

Posizionate quindi le talee di salvia nei vasetti, intingendole prima nella polvere radicante: la salvia è genericamente una pianta che attecchisce facilmente, ma questo passaggio vi può garantire risultati più sicuri. Per aumentare ancora una volta la probabilità di attecchimento potete anche inserirne più di una per ogni contenitore. Irrigate abbondantemente. In questa prima fase è importante che il substrato rimanga sempre umido, senza eccedere.

 

Come ultima accortezza riponete le talee in un luogo fresco e riparato, coprendole con un telo di plastica che ne mantenga l'umidità. Ricordate però di rimuoverlo quotidianamente per un breve periodo in modo da evitare la condensa che porterebbe le vostre talee a marcire.

 

 

Ecco il nostro video tutorial che vi mostrerà come procedere:

 

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA