Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
piante da appartamento
Gi
Il Falangio: cura e coltivazione
Inviato da Redazione GI il 21-01-2015 09:40
Floradania_chlorophytum_primula_b5c677e0

• Pianta “della nonna”, il falangio oggi si trova in vendita solo nelle varietà dalle foglie arricciate, come ‘Bonnie’, mentre le varietà a foglie lineari si passano tra amiche, vista la facilità di ricavare nuove piante: basta staccare i ciuffetti di foglie portate dagli stoloni aerei prodotti dalle piante adulte e metterli in acqua per vederli radicare rapidamente.

• Le foglie nastriformi, lunghe fino a 40 cm, in natura sono interamente verdi e nelle varietà hanno banda centrale o margini avorio. Sono in genere molto amate dai gatti, che le mangiano volentieri...

• Ama un’esposizione luminosa, senza raggi diretti che ustionano le foglie, e una temperatura ideale fra 13 e 18 °C: oltre i 26 °C manifesta una ridotta vitalità, ma tollera fino a 0 °C.

• Dategli un vaso in plastica, di diametro di 16 cm per un singolo cespo con foglie lunghe fino a 40 cm, oppure un basket: il portamento ricadente del fogliame viene valorizzato da una collocazione su scaffali, mobili, mensole, davanzali o appesa.

• Fornitegli una parte di torba e una di terra da giardino o di foglia, con un ottimo drenaggio.

Bagnatelo con moderazione, facendo asciugare fra un turno e l’altro; indicativamente due volte a settimana in estate, una sola in inverno. Teme molto i ristagni idrici ma tollera brevi periodi di siccità.

Si concima due volte al mese, tra aprile e settembre, con un prodotto liquido per piante verdi nell’acqua d’irrigazione.

Curiosità

Il falangio è una delle piante più efficaci nel fare piazza pulita di fattori inquinanti: risucchia infatti la formaldeide e lo xilene, ma anche il monossido di carbonio di caldaie, fornelli e stufe, il benzene e il toluene di alcuni prodotti di pulizia.

(Tratto da "Saperfare/casa" di Elena Tibiletti, Giardinaggio n. 1, 2014)

Fonte foto: Floradania

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA