Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER
il fiore
People
Ibisco, un campione di resistenza e durata
Inviato da Silviab il 27-06-2017 17:31
Ibisco_di_siria_46a99d26

Resistente e bello, l’ibisco di Siria ha il pregio di fiorire molto a lungo e fino all’ultima parte dell’estate, regalando larghe corolle violette-azzurre, bianche o rosa-rosse fino a settembre. A differenza dell’ibisco tropicale, il siriaco è molto resistente al freddo e al pieno sole, non risente dell’inquinamento e cresce rapidamente riproducendosi anche da seme.

Si può coltivarlo come alberello dalla chioma a portamento conico verso l’alto, oppure come siepe: negli anni l’intrico dei rami diventa invalicabile, folto di bel fogliame e con ricca fioritura fino alla base se si pratica regolarmente una potatura di accorciamento, a fine inverno. Concimazioni organiche e irrigazioni sono consigliate per una resa migliore, ma si tratta di piante molto facili e rustiche, quasi autosufficienti. Episodi di afidi in primavera spesso si risolvono da soli.

L’ibisco di Siria ha un apparato radicale vigoroso, per questo in vaso non dà grandi risultati a meno che non si tratti di vasche grandi e profonde, ben irrigate e concimate. La siccità estiva è meno grave di quella primaverile, quando la pianta prepara i rami che daranno fiori. Esistono anche varietà con fiori doppi o screziati, bianchi con la gola rossa.

 

(Tratto da "Saper fare" - Pubblicato su Giar