Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
gli ortaggi
Gi
Aglio e cipolla: sensibili alla luna
Inviato da Redazione GI il 27-01-2011 16:54
Schermata_2011-01-27_a_14.54.40

I bulbilli di aglio e le piantine di cipolla vanno messi in terra tra febbraio e marzo, già a gennaio nei climi miti, in luna calante: in questo modo il bulbo, ovvero la parte commestibile, sarà favorito nell'accrescimento sano e nella conservazione dei fattori che ne determinano il sapore e le proprietà nutritive.

L'influenza del satellite si esprime anche nel rapporto fra l'aglio e le altre piante: con gli spicchi d'aglio si può preparare un infuso da usare contro gli afidi e altri parassiti, nell'orto e sulle piante da fiore; l'efficacia sarà maggiore se la somministrazione dell'infuso avverrà in luna calante o nel novilunio (quando la luna non si vede nel cielo in nessun momento della notte).

Per tenere lontani gli afidi dai rosai interrare 5-6 bulbilli d’aglio da cui possano nascere le piantine attorno a ogni rosaio. Per eliminare gli afidi dalle piante da fiore bollire una testa d’aglio, privata delle pellicine, in mezzo litro d’acqua fino allo spappolamento degli spicchi, filtrare; irrorare ogni tre giorni per tre settimane, bagnando bene tutta la pianta (compresa la pagina inferiore delle foglie) e preferibilmente trattando la mattina presto o verso sera. Per eliminare gli afidi dalle piante da orto macerare 75 g di bulbi triturati in 10 l d’acqua, da usare senza diluire per irrorazioni. In alternativa, per tenere lontani gli afidi dalle piante sia da fiore sia da orto si utilizzano 500 g di cipolla tagliuzzati e posti a macero per 5-7 giorni in 10 l d’acqua; si impiega diluito 1:10 per irrorazioni ogni due-tre giorni fino a scomparsa totale degli insetti.

Cipolla e cipollotti dovrebbero essere raccolti in luna piena se si vuole che siano molto saporiti e piccanti, mentre in luna nuova la tradizione contadina ne suggerisce la raccolta se si preferisce ridurre un poco l'intensità dell'aroma, che diventa più delicato e influisce meglio sulla capacità di digestione di queste verdure allo stato crudo, altrimenti sempre piuttosto pesanti.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA