Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
FAQ
People
Infestante prato.
Inviato da uitor il 13-09-2010 21:17
Buonasera, sono un abbonato; vi sottopongo un problema che riguarda il mio tappeto erboso. Sono presenti da tempo numerosi ciuffi di Agropyron Repens (falsa gramigna), che si diffondono sempre di più. Dalla letteratura consultata mi risulta sia una tenacissima graminacea perenne rizomatosa, indifferente a gelo, siccità, taglio costante (cm. 4,5/5,5), diserbanti pre-emergenza, diserbanti selettivi specifici (Greenex) che peraltro non ho ancora sperimentato. Sarà proprio inevitabile rifare il prato (perfettamente riuscito, senza intervento di giardinieri professionisti...) di F.Ar./P.pr./Lol. per.? Complimenti per la vs. bellissima rivista!
Tibiletti

Risposta dell'esperto

Inviato da Elena Tibiletti

la falsa gramigna è perenne, quindi l'impiego di erbicidi di pre-emergenza è pressoché inutile (se non a scongiurare la nascita di nuove piantine); l'utilizzo di diserbanti classici colpisce anche le graminacee da prato, a meno di non pennellare il Greenex (non il glifosate, che non è attivo su questa graminacea) su ogni singola pianta di agropiro; le lavorazioni del terreno non fanno altro che spezzare i rizomi moltiplicando all'infinito l'infestante (quindi anche il rifacimento completo del manto comporterebbe la rimozione dei primi 20 cm di terra e rizomi in superficie...).
L'unico consiglio utile rimane quello di tagliare più bassi possibile gli steli del manto erboso, con grande frequenza, il tutto però compatibilmente con la stagione (nulla in inverno, basso - cioè 3 cm - in primavera e autunno, più alto in estate - cioè 4-4,5 cm -). Lo scopo è quello di limitare la diffusione della malerba, impedendole di andare a seme ed eventualmente indebolirne lo sviluppo.
In aggiunta, potrebbe provare a riseminare, in primavera e in autunno, il Lolium nelle zone più infestate, nella speranza che riescano a prendere piede e a devitalizzare, nel tempo, l'agropiro...

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA