Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
FAQ
People
Cura di un Versante in ombra
Inviato da Simone il 23-11-2012 10:10
Buongiorno, nella mia casa di campagna ho un versante di L=30-40 mt x H=3,00 mt abbastanza pendente posizionato a nord (zona sempre in ombra e sotto degli alberi di Rovere e Acacia). Al momento è lasciato selvaggio con tutte le erbe infestanti, arbusti e rovi vari. Mi piacerebbe curarlo con qualche pianta erbacea/arbustiva che lo possa tenere "a bada". Il mio principale obiettivo è estetico (magari anche fioriture e aromi come le piante aromatiche) oltre al fatto che non ho troppo tempo per curarlo quindi deve rimanere rustico con manutenzione minima...(quindi piante che rimangono basse, a rapido sviluppo e tengano "a bada" le infestanti). Questo versante è vicino al mio orto e potrebbe essere il rifugio di ricci e altri prede e predatori utili alla mia causa. I vicini e miei coinquilini hanno sempre una gran voglia di dargli giù di diserbante (una pratica ahimè ormai molto utilizzata nella mia zona anche dai privati (oltre che dalle varie amministrazioni locali che non sfalciano più ma bruciano tutto con la chimica) per fare tutto in 10 min. Ecco il 3° obiettivo sarebbe "educativo" far vedere insomma come un vecchio versante che ti stimola all'abbandono e al trattamento con il diserbante possa diventare un bel versante curato, di bell'aspetto, stimolante all'essere osservato e annusato e controllato dall'erosione e smottamenti che sono la piaga dei versanti mal curati dalla chimica. Con il mio orto bio ci sono riuscito ad attirare l'attenzione dei contadini tradizionali tutta chimica, avendo visto che si possa fare produzione familiare senza usare nulla in maniera affrettata (solo un pò di verde rame quando serve dietro i suo consigli di quest'estate usato forse 2-3 volte in 2 stagioni) .....Grazie come al solito per sua la gentile attenzione
Tibiletti

Risposta dell'esperto

Inviato da Elena Tibiletti

La scelta può ricadere sull'edera, che potrebbe poi arrampicarsi anche sugli alberi creando anche un effetto piacevole (attenzione solo a evitare che si leghi troppo strettamente ai tronchi, va sfoltita ogni 3-4 anni), oppure sulla pervinca (Vinca minor) che crea un fitto tappeto in pochissimo tempo, fiorendo in aprile in viola. Quest'ultima va piantata in ragione di 4 piante a mq, ma durante il primo anno è comunque necessario tenere a bada manualmente le infestanti che sicuramente compariranno negli spazi ancora liberi dalla pervinca. Naturalmente, prima di effettuare l'impianto, è necessario eliminare tutta la vegetazione preesistente, il che si può fare con un decespugliatore, e poi con l'estirpazione manuale dei ceppi delle perenni infestanti. Per devitalizzarli senza l'uso della chimica, potrebbe provare, se la conformazione del terreno lo consente, a gettarvi sopra un bidone di acqua bollente, ripetendo l'intervento per 2 volte a distanza di 7 giorni.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA