Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
FAQ
People
Balcone ad Avellino
Inviato da Giuseppe il 18-02-2013 15:27
Vorrei sistemare in modo decoroso il mio piccolo balcone di 1.20 x 2.90 esposto ad est (e quindi ben soleggiato solo di mattina e fino alle 14 circa) in collina ad Avellino. Al momento dispongo solo di tre rincospermum in vaso che vorrei far arrampicare su un eventuale graticcio sul lato corto del balcone. Mi piacciono tutti i tipi di fiore ed in genere mi riesce bene la coltivazione di piante da bulbo. Non riesco però ad organizzare materialmente la disposizione dei vasi, nè a scegliere le varietà. Mi piacerebbe un balcone ricco di verde ma non solo in estate, con piante aromatiche, fiori, sempreverdi... insomma un mix ben calibrato che riempia senza soffocare il mio piccolo spazio. Non posso però fare uso di fioriere da ringhiera. Che qualcuno riesca a riordinare le mie idee così confuse? Lo spero. Grazie in anticipo.
Tibiletti

Risposta dell'esperto

Inviato da Elena Tibiletti

I tre rincospermi possono stare in una grande fioriera (1 x 40 x 50 cm circa) dotata di traliccio per la crescita dei rampicanti su un lato corto, mentre sull'altro lato corto può mettere una fioriera gemella (sempre con traliccio), dove far crescere a sua scelta: un solo glicine 'Amethyst Falls' (l'unico che può vivere in vaso, 3 passiflore, 2 caprifogli (Lonicera caprifolium), 2 hardenberge (sempreverdi), tutte piante rampicanti, oppure senza il traliccio 3 oleandri (sempreverdi, non rampicanti) che vanno però controllati nel loro sviluppo per evitare che invadano il piccolo spazio. Nelle fioriere può seminare, tra fine marzo e metà aprile, le portulacche ("amanti del sole"), annuali che non portano via nutrimento ai rampicanti. Nei restanti 20 cm rimanenti sui lati può mettere un vaso di aromatiche perenni e sempreverdi, a scelta: lavanda, rosmarino, salvia, timo. Nei restanti 2,50 m sul lato lungo frontale può mettere una serie di cassette (40 o più x 20 x 20 cm circa) dove sbizzarrirsi con le aromatiche annuali, da sostituire in novembre, quando muoiono, ponendo nelle stesse cassette (cambi la terra!) i bulbi primaverili (giacinti, narcisi, tulipani, scille, muscari, fresie ecc.). In aggiunta o in alternativa, secondo i gusti, ci possono stare anche erbacee da fiore annuali (sempre da alternare ai bulbi primaverili), dalla salvia splendens ai tageti, dall'impatiens (il sole non è eccessivo) alle petunie (non le surfinie che vanno appese alla ringhiera o in basket) ecc.. Sempre in aggiunta/alternativa ci sono anche le erbacee perenni (a volte in fiore perfino d'inverno): bocche di leone, garofanini, campanule, violacciocche, gerbere ecc. E anche le annuali autunnali, da alternare alle annuali estive e da impiegare come alternativa ai bulbi: ciclamini, peperoncini, eriche, cavoli ornamentali ecc. Suggerisco però di realizzare una panchetta da appoggiare lungo il lato lungo esterno, in modo da sollevare le cassette di almeno 40 cm rispetto al pavimento, in modo da agevolare la manutenzione e da godere maggiormente di fiori e profumi. Per es. una panca in legno (impregnato per esterni ed eventualmente verniciato a scelta), lunga 2,90 m (per includere i vasi di aromatiche alle estremità e portarli a livello con le fioriere grandi), larga 20 cm e munita di 8 piedini d'appoggio (4 alle estremità e gli altri 4 intercalari per sostenere il peso delle cassette). Oltretutto, ai piedi della panchetta può coltivare piante basse poco bisognose di sole, come buona parte delle succulente...

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA