Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
FAQ
People
insalate
Inviato da nadia il 23-10-2013 08:10
Buongiorno, quest'anno ho trapiantato sia il radicchio variegato di verona che lusia a una distanza di 50 cm. tra di loro, ma il problema oidio (prevale sul radicchio) c'è nonostante alla prima comparsa abbia trattato le foglie con lo zolfo e tolto le foglie contaminate mentre la varietà lusia si manifesta un marciume alla base che porta all'avvizzimento della pianta. Quale rimedio posso fare? In attesa di una sua risposta anticipatamente ringrazio Nadia
Tibiletti

Risposta dell'esperto

Inviato da Elena Tibiletti

La distanza d'impianto è corretta per garantire l'arieggiamento. Ricordo che, man mano che le insalate a cespo crescono, è sempre bene togliere le foglie basali(un paio alla volta) ogni 5-10 giorni, perché comunque si tratta di foglie inadatte al consumo, e per eliminare, soprattutto in autunno, l'eccesso di umidità che favorisce le malattie fungine. Per il variegato è necessario insistere con lo zolfo e l'eliminazione delle foglie peggio ridotte. Per il lusia si tratta di un marciume insanabile, che deve portare all'eliminazione tempestiva della pianta, mentre sulle altre ancora "sane" è bene irrorare un prodotto a base di rame. Dato che la parcella risulta contaminata da spore fungine di vario tipo, appena si libera è bene irrorare la terra con il solito rame, lavorare il terreno e poi lasciarlo esposto all'azione delle intemperie fino almeno a tutto aprile. Non ripianti nessun tipo di insalata nemmeno l'anno prossimo.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA