Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
FAQ
People
Concimazione pomodori
Inviato da Stefania il 01-05-2014 23:43
Buonasera, circa una settimana fa, essendoci bel tempo, ho eseguito il trapianto di alcune orticole, tra cui pomodori e melanzane. Negli ultimi tre/quattro giorni ha iniziato però a piovere, con poche ore di schiarite e sole. Negli ultimi due giorni ho notato che le foglie dei pomodori sono di un verde più chiaro e quelle sul fondo gialline. Pensando fosse un problema di mancanza di azoto ero indirizzata verso un concime liquido azotato. Mi è stato però detto che probabilmente è dipeso tutto dall'abbassamento delle temperature e dalla molta pioggia. Ho alla fine acquistato uno stallatico pellettato. Ne ho interrato, ad una distanza di circa cinque cm intorno al fusto delle piantine ed a una profondita di circa 2 cm, una manciata per ogni piantina. Può essere sufficiente per avere dei miglioramenti? Mi consiglia qualche altro intervento? Un'altra domanda. Sull'etichetta dei pomodori c'è scritto: concimazioni periodiche con azoto e potassio. Ogni quanto devo effettuarle? Ringrazio l'esperto che vorrà rispondermi. Saluti
Tibiletti

Risposta dell'esperto

Inviato da Elena Tibiletti

Tutte le piante da orto subiscono un fortissimo stress nel momento del trapianto, avendo un apparato radicale ancora minimale che non consente un immediato adattamento al nuovo contesto. Non per niente, l'obbligo nei primi 10 giorni dal trapianto, è quello di bagnare regolarmente attorno al piede per un raggio di 10 cm circa. Anche con questa cura assidua, tuttavia, è del tutto normale che si verifichi un appassimento delle piantine per le prime 24-48 ore, e successivamente un ingiallimento delle foglie a iniziare da quelle basali, che perdura fino appunto a 10-15 giorni dal trapianto. Il fenomeno di sofferenza è accentuato dalle alte temperature, per cui sarebbe consigliabile, in presenza di sole forte e calore oltre i 25 °C, porre una serie di paletti su cui stendere una rete ombreggiante, sempre per i primi 10-15 giorni. La concimazione deve essere stata fatta sul terreno almeno 15 giorni prima del trapianto. La concimazione successiva deve essere eseguita almeno 30 giorni dopo il trapianto. Nei primi 30 giorni infatti le piantine si nutrono del concime apportato prima dell'impianto; anzi, concimazioni effettuate in questo lasso di tempo possono "bruciare" le piantine, soprattutto se somministrate vicino alle radici.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA