Video in primo piano
PONI UNA DOMANDA
FAQ
People
kumquat e brunfelsia
Inviato da Benedetto il 22-05-2015 23:09
Gentile dott.ssa Tibiletti, ho un kumquat che vive stentatamente mentre dal piede,in corrispondenza dell'innesto,nasce continuamente, e molto vigorosa ,la vegetazione dell'arancio amaro. La poto continuamente,ma ciò non risolve il problema. Questa vegetazione nasce anche da un altro rigonfiamento del tronco,poco sopra il precedente. V'è modo per ovviare a questo inconveniente ? Questa vegetazione 'parassita' sottrae linfa ed energia al kumquat ? O è stentato perchè non seguo norme colturali corrette ? Io lo tratto come gli altri agrumi che ho sul terrazzo. Ho da moltissimi anni un esemplare di Brunfelsia Calcyna. Ogni inverno si spoglia,poi riemette la vegetazione e quindi una bella seppur effimera fioritura. Lo tengo esposto al sole,lo innaffio regolarmente,non ho mai riscontrato clorosi , ma la pianta non è particolarmente rigogliosa,anch'essa sembra vivere un pò stentatamente. E' in un vaso di circa 30 centimetri,non le ho mai cambiato terra,non la poto se non togliendo i rametti secchi. Mi può informare sulle corrette norme colturali ? Mille grazie,cordiali saluti,Benedetto D'Ettorre Piazzoli
Tibiletti

Risposta dell'esperto

Inviato da Elena Tibiletti

Tutti i getti provenienti dal portainnesto, di qualunque pianta si tratti, non andrebbero tagliati, bensì strappati, per ridurre il vigore del portainnesto e scoraggiarlo dalla continua emissione di nuovi succhioni. E' evidente che questa continua emissione del portainnesto toglie forza al kumquat. I getti vanno comunque strappati appena si formano, prima che si sviluppino, il che significa sorvegliare settimanalmente la pianta.

La brunfelsia è una Solanacea che richiede terriccio acido, con aggiunta di un po' di terra di foglia. Il vaso deve essere commisurato all'altezza della pianta: 30 cm vanno bene per un esemplare alto al massimo 60 cm. In ogni caso è necessario un rinvaso eliminando il più possibile il vecchio substrato (anche recidendo l' strato più esterno del pane di terra) e sostituendolo con nuovo terriccio acido. Consiglio di effettuare l'operazione dopo la fioritura. La potatura non è necessaria, ma la concimazione, così come l'annaffiatura durante la bella stagione, è indispensabile.

CRESCIAMO INSIEME
CERCA NEL PORTALE
LA RIVISTA